La Gloria del Sangue – Libro Secondo

gloria-sangue-giulia-scrittrice-romanzo-fantasy

Ancora in corso d'opera, il secondo libro de La Gloria del Sangue, vedrà Aletcsa nei panni del viaggiatore privo di punti fissi, privo di conoscenze e privo di un traguardo. Aletcsa dovrà affrontare impulsi strazianti derivanti da un'oppressiva presenza e sarà chiamata ad intraprendere un percorso verso la conoscenza delle sue oscure e lontane origini.… Continua a leggere La Gloria del Sangue – Libro Secondo

Estratto – 32

"Sentii la porta aprirsi con un cigolio. Ebbi paura di voltarmi, ma quando vidi chi era entrato mi si dipinse un sorriso in viso. Fede. Gli corsi incontro e rimanemmo abbracciati. - Oh Lex non puoi capire! Ho tantissime cose da dirti! Non mi lasciavano venire da te!- Stavo un po' ridendo e un po'… Continua a leggere Estratto – 32

Estratto – 31

"La mia mente non era poi così tanto leggera. Il vuoto era il macigno che dovevo sopportare, perché ciò che mi rimaneva da fare era morire o vivere in un luogo per me orribile. E sola". Estratto da "La Gloria del Sangue - Libro Primo" Pagina 317

Estratto – 30

"Ci baciammo con timidezza, scoprendo le differenze tra noi, le sue labbra ferme e le mie tremanti. Il suo respiro caldo sul collo che mi distrasse nel momento in cui sciolse i fili del corpetto e aprì la camicia bianca, lasciando trasparire il mio corpo coperto di squame nere e luccicanti…" Estratto da "La Gloria… Continua a leggere Estratto – 30

Estratto – 29

"Il ragazzo dalla lunga tonaca nera, decorata d'oro e i capelli bianchi, lisci, acconciati in una treccia, adirato e sconfitto, si alzò impettito e se ne andò senza parlare, lasciando che il suo sguardo cadesse un'ultima volta sul corpo devastato da macchie nere e viola di Aletcsa". Estratto da "La Gloria del Sangue - Libro… Continua a leggere Estratto – 29

Estratto – 28

"Quel corridoio non aveva intenzione di finire, erano più di tre ore che camminavo e stavo andando sempre più a fondo; avevo contato più di venti rampe di scale che ogni volta mi portavano nelle più recondite profondità della terra". Estratto da "La Gloria del Sangue - Libro Primo" Pagina 273

Estratto – 27

"Vidi davanti a me un ramo scattare all'improvviso e uno scoiattolo correre furtivo tra gli aghi verdi e rigogliosi dei grandi abeti. Anche il sottobosco era fitto, come a voler celare la presenza di quel luogo. Quando ero piccola pareva che tutto fosse sulla soglia della vita, ancora acerbo e immaturo. Ora invece il laghetto… Continua a leggere Estratto – 27

Estratto – 26

"No. Basta. Basta. Ero distrutta. Mi stavo sgretolando dentro. Non ce la facevo più. Stavo impazzendo. La mia follia era tutta lì". Estratto da "La Gloria del Sangue - Libro Primo" Pagina 258

Estratto – 25

"Dalla borsa presi il cellulare e lo spensi. Fede notó il mio gesto, sorrise. - Anch'io l'ho fatto - Lo guardai leggermente addolorata. Dove saremmo andati a finire? Ora eravamo noi due. Nessun tipo di comunicazione. Mi staccando repentina dal mio vecchio mondo". Estratto da "La Gloria del Sangue - Libro Primo" Pagina 261

Estratto – 24

"Alla fine il sonno mi colse. E sognai. Tanto. Il centro di tutto fu Davide" Estratto da "La Gloria del Sangue - libro Primo" Pag. 257