Natura e condotta dell’Uomo di John Dewey

Natura e condotta dell’Uomo

John Dewey

Il volume racchiude il nucleo essenziale della concezione filosofica di Dewey. Il punto di vista è psicologico”

Dewey ha sempre promosso e non ha mai cessato di evidenziare l’importanza della psicologia in rapporto alla morale. La psicologia rappresenta la sola alternativa a una considerazione arbitraria e classista della società. Le determinazioni precedenti sono state prodotte da una moralità fondata sulla tradizione e sul costume, in seguito, nel periodo moderno, dal primato della ragione e della scienza.

Dewey ha sempre sostenuto, inoltre, l’accrescimento del potere dell’uomo sulla natura grazie alla scienza e perciò, questa modalità di indagare la natura per comprenderla e ‘governarla’, dovesse essere trasposto e utilizzato anche per l’uomo. Sotto questo punto di vista, la psicologia sarebbe l’applicazione del metodo scientifico alla vita umana.

Incipit: “Date a un cane un brutto nome e impiccatelo. la natura umana è stata il cane dei moralisti di professione, e le conseguenze non smentiscono il proverbio.”

Ad apertura di libro: “Il considerare le istituzioni come nemiche della libertà, e tutte le convenzioni come schiavitù, equivale a negare il solo mezzo con cui si possa assicurare una libertà positiva dell’azione.”

IMG_1653.JPG.

.

.

brani tratti da Natura e condotta dell’uomo – John Dewey – La Nuova Italia, Firenze, 1977

 

6 pensieri riguardo “Natura e condotta dell’Uomo di John Dewey”

    1. Ciao Francesco! In memoria non ho un ricordo di questa frase in un libro di Kant, ma mi viene in mente la questione relativa allo schematismo kantiano della Critica della ragion pura in cui si parla del rapporto tra empirico e trascendentale nei riguardi della procedura e dell’immagine, qui un estratto: “Il concetto di cane indica una regola in base alla quale la mia immaginazione è posta in grado di delineare in generale la figura di un quadrupede, senza tuttavia chiudersi entro una particolare raffigurazione offertami dall’esperienza o in una qualsiasi immagine che io possa rappresentarmi in concreto”. La questione qui sta nel fatto che non si capisce fino in fondo perché Kant mentre parla dei concetti puri prende un cane come esempio che è ovviamente un concetto empirico. Mi hai fatto venire in mente un libro di Eco che avevo sfogliato; si intitola Kant e l’ornitorinco e parla proprio della questione procedurale e immaginaria. Se vuoi sapere qualcosa di più di Kant ti consiglio i libri di Laterza, le guide alla lettura delle opere filosofiche ritenute fondamentali.
      Grazie per il tuo commento!

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...